Menu di scelta rapida

Dettaglio

Sgarbi Vittorio

Vittorio Sgarbi

Chi è

Critico d’arte, curatore di grandi mostre internazionali, scrittore prolifico di libri best seller, conduttore di trasmissioni di successo che sono rimaste nella storia della televisione, uomo politico, libero pensatore controcorrente e instancabile difensore dell'arte e della cultura. Nato a Ferrara l’8 maggio 1952, Vittorio Sgarbi è laureato in Filosofia con specializzazione in Storia dell’Arte presso l’Università di Bologna, ed è stato funzionario assegnato alla Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici di Venezia. È stato docente di Storia delle Tecniche Artistiche presso l’Università di Udine (1984-1988) e di Storia della Fotografia presso l’Università di Bologna (1974-1978). Dal 1992 al 1999 ha ideato e condotto Sgarbi Quotidiani, rubrica televisiva di successo che gli è valsa nel 2000 la vittoria del Premio Internazionale Flaiano per la Televisione. Collabora con Il Giornale, L’Espresso, Panorama, IO Donna de Il Corriere della Sera, e cura le rubriche Sgarbi vs Capre per il Quotidiano.net, e gli Sgarbi Settimanali per Oggi. È accademico dell’Accademia Georgica di Treia e della Rubiconia Accademia dei Filopatridi. È commendatore dell’Ordine di San Maurizio e Lazzaro. È Presidente del Comitato Nazionale delle Celebrazioni su Mattia Preti. È Presidente del Comitato Nazionale per le celebrazioni del V centenario della nascita di Francesco Mazzola detto il Parmigianino. Presidente del Comitato Nazionale per le Celebrazioni del V centenario della morte di Andrea Mantegna. È stato Commissario per le arti e il restauro architettonico della città di Padova di cui ha curato i cataloghi sulle mostre di Giotto e di Donatello. È stato direttore artistico del Festival di Asti Teatro nell’anno 2000. È stato Presidente della VII Commissione Cultura, Scienze e Istruzione della Camera dal 1994 al 1996. È stato eletto deputato al Parlamento Europeo nel 1999. Eletto deputato al Parlamento italiano nel 2001 ed è stato Sottosegretario ai Beni Culturali. Nel 2003 è stato nominato, con decreto ministeriale, Presidente dell’Accademia di Belle Arti di Urbino. Dal 2005 è Alto Commissario per la valorizzazione della Villa Romana del Casale di Piazza Armerina (EN). È componente della Commissione consultiva del Prefetto per la Cattedrale di Noto (SR). Da Maggio 2006 a Maggio 2008 ha ricoperto la carica di Assessore alla Cultura del Comune di Milano. Il 30 giugno 2008 è stato eletto Sindaco del comune di Salemi (TP). Nel 2010 è stato nominato Soprintendente del Polo Museale di Venezia. Nel 2011 ha curato il Padiglione Italia della 54° Esposizione Internazionale d'Arte alla Biennale di Venezia, dal titolo L'Arte non è cosa nostra, allargando la mostra la mostra in 27 capoluoghi italiani in onore del 150esimo dell'Unità d'Italia. Nel 2017 fonda il movimento politico Rinascimento con lo scopo di affrontare la valorizzazione del patrimonio culturale e artistico dell'Italia.

Ultimi titoli

Dal Futurismo al vuoto (La nave di Teseo, 2018)
Dal mito alla favola bella. Da Canaletto a Boldini. Il tesoro d’Italia, vol V,( La nave di Teseo, 2017)
Rinascimento. Con la cultura (non) si mangia – con  Giulio Tremonti  (Ed. Baldini & Castoldi - 2017)
La Costituzione e la bellezza – con Michele Ainis (La nave di Teseo - 2016)
Parmigianino tra classicismo e manierismo (La nave di Teseo, 2016)
Carpaccio (Ed. Bompiani, 2015)
Balthus (Ed. Giunti Editore, 2015)
La lunga avventura dell'arte. Il Tesoro d'Italia. (Ed. Bompiani, 2014)
Dell'Italia. Uomini e luoghi. (Bompiani ,2013)
Mattia Preti (Ed. Rubbettino, 2013)
L'arte è contemporanea. Ovvero l'arte di vedere l'arte. (Ed. Bompiani, 2012)
La stanza dipinta (Ed. Bompiani, 2012)
Nel nome del Figlio. Natività, fughe e passioni nell'arte. (Ed. Bompiani, 2012)
Viaggio sentimentale nell'Italia dei desideri. (Ed. Bompiani, 2011)
Le meraviglie di Roma. Dal Rinascimento ai giorni nostri. (Ed. Bompiani, 2011)
Piene di grazia. I volti della donna nell'arte. (Ed. Bompiani, 2011)
L'Italia delle meraviglie (Ed. Bompiani, 2011)

Appuntamenti

logo Comune di Cuneo logo Provincia logo Regione