Menu di scelta rapida

Dettaglio

Carofiglio Gianrico

Gianrico Carofiglio

Chi è

Gianrico Carofiglio è nato a Bari, dove attualmente vive, nel 1961. Ha lavorato come pretore a Prato, pubblico ministero a Foggia e svolto le funzioni di sostituto procuratore alla Direzione distrettuale antimafia di Bari. È stato consulente della commissione parlamentare antimafia durante la XV legislatura. È stato eletto senatore (in seguito alla sua candidatura al Senato della Repubblica con il Partito Democratico) alle elezioni dell’aprile 2008. Il suo esordio nella narrativa risale al 2002, con Testimone inconsapevole, romanzo che inaugura il legal-thriller in Italia. In quest’opera introduce il personaggio dell’avvocato Guerrieri, protagonista anche dei romanzi successivi: Ad occhi chiusi (2003), che decreta il suo successo agli occhi del pubblico e della critica, Ragionevoli dubbi (2006), Le perfezioni provvisorie (2010), che rimane per otto settimane al primo posto assoluto nelle classifiche dei libri più venduti in Italia, e La regola dell’equilibrio (2014). Con il primo romanzo vince la decima edizione del Premio del Giovedì di “Marisa Rusconi”, il premio Rhegium Iulii, il Premio Città di Cuneo e il Premio Città di Chiavari. Con Ad occhi chiusi ottiene invece il Premio Lido di Camaiore e il Premio delle Biblioteche di Roma. Il passato è terra straniera (da cui è stato tratto il film prodotto da Fandango) vince il Premio Bancarella 2005, mentre Ragionevoli dubbi riceve il Premio Fregene e il Premio Viadana nel 2007 e la seconda edizione del Premio Tropea nel 2008. Nel 2007 pubblica il graphic novel Cacciatori nelle tenebre, illustrato dai disegni dei fratello Francesco, opera che conquista il premio Martoglio. Nel 2008 Carofiglio riceve il Radio Bremen Krimipreis, premio conferito dalla radiotelevisione di Brema, e il Premio Grinzane Cavour Noir. Con la raccolta di racconti Non esiste saggezza vince il Premio letterario Pietro Chiara e il romanzo Il silenzio dell’onda (2011) è finalista al Premio Strega. Nel 2012 ha portato sulla scena teatrale La manomissione delle parole, riflessione sull’uso del linguaggio pubblicata nel 2010. I suoi libri sono stati tradotti in 28 lingue e hanno venduto 5 milioni di copie, grazie alla sua scrittura sottile e profonda, alla disinvoltura con cui maneggia diversi generi letterari e alla profonda sensibilità letteraria. 

Ultimi titoli

La misura del tempo (Einaudi, 2019)
La versione di Fenoglio (Einaudi, 2019)
Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità (Ega Edizioni Gruppo Abele, 2018)
Le tre del mattino (Einaudi, 2017)
L’estate fredda (Einaudi, 2016)
Con parole precise (Laterza, 2015) 
La regola dell’equilibrio (Einaudi, 2014)
Una mutevole verità (Einaudi, 2014)
La casa nel bosco (Rizzoli, 2014)
Cocaina (Einaudi, 2013)
Il bordo vertiginoso delle cose (Rizzoli, 2013)
Non esiste saggezza (BUR, 2012)
Il silenzio dell’onda (Rizzoli, 2011)
La manomissione delle parole (Rizzoli, 2010)
Le perfezioni provvisorie (Sellerio, 2010)
Né qui né altrove. Una notte a Bari (Laterza, 2008)
Cacciatori nelle tenebre (Rizzoli, 2007)
L’arte del dubbio (Sellerio, 2007)
Ragionevoli dubbi (Sellerio, 2006)
Il passato è una terra straniera (Rizzoli, 2004)
Ad occhi chiusi (Sellerio, 2003)
Testimone inconsapevole (Sellerio, 2002)

Appuntamenti

logo Comune di Cuneo logo Provincia logo Regione